12.05.2014 - SEGRETERIA

dalla Gazzetta Ufficiale

DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66  - ART. 8, c. 8.

8. Le amministrazioni pubbliche di cui al comma 1,  per  realizzare l'obiettivo loro assegnato ai sensi dei commi da 4 a 7, sono:

    a) autorizzate, a decorrere dalla data di entrata in  vigore  del presente decreto, a ridurre  gli  importi  dei  contratti  in  essere aventi ad oggetto acquisto o  fornitura  di  beni  e  servizi,  nella misura del 5 per cento, per tutta la  durata  residua  dei  contratti medesimi. Le parti hanno facolta' di  rinegoziare  il  contenuto  dei contratti, in funzione della suddetta riduzione. E'  fatta  salva  la facolta' del prestatore dei  beni  e  dei  servizi  di  recedere  dal contratto entro 30 giorni dalla comunicazione della manifestazione di volonta' di operare la riduzione senza alcuna  penalita'  da  recesso verso l'amministrazione. Il recesso e' comunicato all'Amministrazione e ha effetto decorsi trenta giorni  dal  ricevimento  della  relativa comunicazione da parte  di  quest'ultima.  In  caso  di  recesso,  le Amministrazioni di cui al comma 1, nelle more dell'espletamento delle procedure per nuovi  affidamenti,  possono,  al  fine  di  assicurare comunque la disponibilita' di beni  e  servizi  necessari  alla  loro attivita', stipulare nuovi contratti accedendo  a  convenzioni-quadro di Consip S.p.A., a quelle di centrali  di  committenza  regionale  o tramite affidamento diretto nel rispetto della disciplina  europea  e nazionale sui contratti pubblici;

    b) tenute ad assicurare che gli importi e i prezzi dei  contratti aventi ad oggetto acquisto o fornitura di beni  e  servizi  stipulati successivamente alla data di entrata in vigore del  presente  decreto non siano superiori a quelli derivati, o derivabili, dalle  riduzioni di cui alla lettera a), e comunque non siano superiori ai  prezzi  di riferimento, ove esistenti, o ai prezzi dei beni e  servizi  previsti nelle  convenzioni  quadro  stipulate  da  Consip  S.p.A,  ai   sensi dell'articolo 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488.